Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Istituito nel febbraio 2002, il Sistema bibliotecario intercomunale di Como,  ha come compiti primari lo sviluppo, la razionalizzazione e il miglioramento dei servizi di pubblica lettura e di informazione generale, la valorizzazione del patrimonio documentario e la promozione della conoscenza delle fonti di informazione, studio e ricerca. E’ costituito da biblioteche appartenenti al medesimo contesto territoriale, ma diverse per tipologia dei servizi erogati, modello gestionale, collezioni possedute, utenza reale e potenziale. Tramite il Sistema Bibliotecario gli Enti aderenti promuovono la gestione condivisa di risorse informative, documentarie (fisiche e virtuali), professionali e di servizio ai sensi della Legge Regionale 14.12.1985, n. 81, in quanto compatibile con il D.lgs 267 del 18.8.2000.
 
L’ente capofila del Sistema è il Comune di Como, al quale appartengono la Biblioteca Comunale di Como, biblioteca capoluogo di provincia, che esercita le sue deleghe istituzionali di pubblica lettura, tutela, conservazione e deve servire un bacino di utenza potenziale che da solo rappresenta i tre quarti della popolazione dell’intero sistema (c.ca 120.000 ab.); la Biblioteca dei Musei civici, biblioteca specialistica, che conserva importanti collezioni (monografie e periodici) con un alto livello di approfondimento degli ambiti disciplinari trattati (archeologia, archeobiologia, storia locale, storia dell’arte, etc..) , il Punto di prestito della Circoscrizione 3 , Como-Camerlata, che serve la popolazione locale attraverso il prestito  e il servizio di prestito interbibliotecario di libri e multimedia) richiesti dagli utenti.
 
Seguono le biblioteche di enti locali: Blevio, Brunate, Cernobbio, Lezzeno, Lipomo, Moltrasio Nesso, Zelbio ; le biblioteche del Liceo classico Alessandro Volta, dell’ Istituto tecnico industriale statale Magistri Cumacini e dell’Istituto Matilde di Canossa, che offrono materiali specialistici e manualistica di grande utilità sia per ambiti disciplinari di approfondimento, sia per soddisfare esigenze di autoformazione permanente; le biblioteche specialistiche della Società Archeologica comense, dell’Istituto di Storia Contemporanea Pier Amato Perretta e della Fondazione Antonio Ratti, che  possiedono importanti collezioni di documenti (monografie e periodici) in consultazione e disponibili al prestito su ambiti tematici e disciplinari specifici con un’ampia escursione in quanto a livelli di approfondimento ; la biblioteca della Casa Circondariale il Bassone, infine, gestisce il servizio bibliotecario servendo sia la popolazione carceraria  sia la rete provinciale attraverso il prestito interbibliotecario.
 

Trascorsi dieci anni dalla sottoscrizione della convenzione, i rappresentanti degli Enti aderenti presenti in data 16 febbraio 2012  alla Consulta hanno espresso la volontà di confermare l’adesione al Sistema Bibliotecario Intercomunale di Como, per cui è stato redatto un nuovo schema di convenzione della durata triennale, approvato dal Consiglio Comunale di Como, con delibera n. 2 del 14.01.2013

 Link al testo della nuova convenzione